7 aprile 2014

fare il genitore a chi doveva farlo a me.....

queste settimane sono passate veloci ed inghiottita da impegni che avrei preferito non avere, il tempo è volato e non ho avuto neanche un secondo per fermarmi davanti alla tastiera e sfogarmi!!
si, sfogarmi senza avere il pensiero che qualcuno possa interrompere e  parlare tutto d'un fiato urlando magari, perchè la mia testa e il mio cuore si devono decomprimere .......
per l'ennesima volta mi sono trovata a fare da genitore a chi il genitore doveva farlo a me e non lo ha mai fatto.....
mi sono trovata a dover raccattare i cocci di una  vita fallimentare che non è lamia e a dover correre a destra e a sinistra per cercare chi  è voluto sempre scappare dalle sue responsabilità nascondendosi dietro ad una bottiglia
fare da genitore al proprio genitore non è per niente simpatico......... ma non parlo di un genitore che ti ha cresciuto, cheti ha teso la mano e che ha passato le notti in bianco con te o che ha visto cadere il tuo primo dente e ha ascoltato le tabelline prima della verifica, ma purtroppo parlo di un padre che si ricorda di una figlia solo se ha bisogno, di un padre che non c'è mai stato e neanche ha sforzato di esserci (dandogli ogni scusante del caso) di un uomo che no ho mai abbracciato ,ma per fortuna c'è chi ha saputo  sostituire e colmare questo vuoto!!!!!!!!!

ma adesso  è due settimane che  ho rapporti con questo uomo ,se vogliamo a me sconosciuto , e devo io fargli da genitore...........

sono stanca di questo ruolo e per una volta con lui vorrei fare la figlia, ma non potrò mai e lo so , ma vorrei urlare al mondo che non è giusto ,che io avevo il diritto di essere figlia, che avevo il diritto di farmi venire a prendere a scuola  e di fare io tardi la sera ......
invece no ....... 
sono stanca di fare finta che tutto vada bene  che di pregare Dio che no combini più danni......ma questo ruolo non me lo leverò mai ......ma ogni tanto  ci sto stretta .!!!!!
con una mega pancia di 9 mesi , ho fatto file davanti a dottori che si rimbalzavano la responsabilità e scaricavano incombenze a colleghi , ho fatto scale e fatto prendere medicine dal nome sconosciuto a chi forse aveva bisogno di altro e ...ora dico basta.....
basta ...... e ancora basta perchè  ora non ce la faccio più mi serve tempo per  abituarmi ancora a quello sguardo  che non mi piace......basta alle bugie e ai falsi pianti , basta a tappare le mancanze non mie...
e vado avanti,a tratti triste e demoralizzata e a tratti guerriera ma un po delusa............ e forse ringrazio questo uomo che mi  ha reso forte come sono

e vado  ancora una volta da sola verso l'altare ...... confidando nelle mie forze e su chi veramente mi ama

l'avventurava avanti...... duramente ma va avanti!!!!!

6 commenti:

  1. Forte e determinata. Ecco come sei.
    Lo capisco, sai? quando abbiamo dovuta raccattare i pezzi del suocero, che non avevo mai visto, e quando abbiamo dovuto organizzare un funerale "perché a carico della famiglia" con il nanetto micro in braccio, con la faccia distrutta di marito e suocera per i soli ricordi di quel che ha fatto passare loro... quella volta e stato come vivere un'ingiustizia, come una beffa oltre al danno...
    Non è bello scrivere così, ma è davvero questa la sensazione...
    Forza, forza per Maria ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si a volte sembra proprio un ingiustizia e sulle spalle pesa..... però siamo andati avanti ... pregando e confidando nell'aiuto di Dio che ci indichi la strada migliore.
      grazie carla :-)

      Elimina
  2. Caspita Veronica, non sapevo di questo lato buio della tua vita! Ora capisco perché ami tanto tuo marito che ha tutta la bontà d'animo che tuo papà ha smarrito. Coraggio, sei grande e Maria ha la fortuna di appartenere già a una splendida famiglia!
    Paola Freschi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo è un lato che c'è...e ci convivo oramai da tempo ma in alcuni casi ringrazio perchè se sono così forse è anche per "merito suo".......
      Mio marito è eccezionale e sono felice ed ero sicurochesarebbe stato un padre stupendo e un marito presente sempre al mio fianco per camminare insieme a me e i suoi figli .....oramai sono grande ma alcuni ricordiin dati momenti ritornano e rivivere determinate situazioni e sguardi epesantema ce la faremo .... il Signore ciaiuterà ancora per fortuna
      :-)
      come stanno i tuoi ? la mamma?
      un abbraccio

      Elimina
  3. Mi spiace moltissimo leggere la sofferenza che trapela da questo post... però sei riuscita nonostante tutto a trasformarla in positivo costruendoti una famiglia piena d'amore: questa è la cosa più importante e di cui andare più fiera!

    RispondiElimina
  4. Anche a me spiace moltissimo... anche io non so che vuol dire avere un papà, ce l'ho ma hai capito che intendo...
    Prego che Dio ti dia ancora più forza di quella che hai e ti riempia ancora di più di amore da parte della tua famiglia.
    Grazie a Dio, un Padre, un Grande Padre, ce l'abbiamo... ♥

    RispondiElimina