26 marzo 2013

NELLA MIA GIUNGLA SI PUÒ SOPRAVVIVERE!!!


nella giungla della quotidianità c'è sempre una liana  di salvezza!!!!
                                                                                      photo dal web

La quotidianità , la mia quotidianità è una giungla con 4 pesti che la rendono stupenda ma che pur sempre giungla rimane.
Con  il tempo e con l'aumentare dei figli "le liane" che ci salvano dal baratro della disperazione sono diventate tappe fisse come quelle dell'autobus di linea.

Con 4 pesti da preparare , la mattina è una corsa : a volta si incontra un leone arrabbiato ( veropeste grande) che voleva dormire di più........, una lemure affamata che se non mangia si trasforma in una iena ( veroprincipessa) che solo dopo colazione   diventa trattabile, una scimmietta che saltella alla ricerca del calzino perduto (veroveroricciola)  e una serpentella con la "S" come lettera predominante del vocabolario, insomma no ci si annoia e l'urlo di tarzan a volte è assicurato..
Abbiamo capito, io e veroveromarito, che ci sono tappe fondamentali da fare per non impazzire e salvo cose gravi, sono un rito che ci salva.

La colazione tutti insieme è la prima tappa fondamentale per partire carichi e una lavata di denti con l'immancabile corsa a chi fa prima è il "top del top", immancabili  i miei urli dietro perchè è tardi!!!!!!!
A volte penso " non sono una mamma sono un ammaestratrice di leoni " perchè se le 4 pesti si svegliano con il piede storto non c'è rito che tenga e si parte arrabbiati cercando di recuperare poi  il buon umore durante la giornata.!!! ed in questo caso povere maestre!!

Il pulmino giallo che li porta a scuola è il sole che mi ha salvato dall'angoscia di arrivare tardi davanti al cancello della scuola e il saluto dal finestrino con un mega bacio è l'altra tappa fondamentale  del mattino.
dal web photo

Le varie attività sportive dei pargoli mi fanno fare il giro della città più volte e mi salva solo il caffè della mia amica di ferro e la telefonata rasserenate della mia amica storica che con il suo " ciaoamò" mi fa tornare il sorriso.
La merenda ( che a volte mi scordo) e i compiti ( che per fortuna fanno da soli) sono il baby sitter  obbligatorio del pomeriggio  e io corro da una stanza all'altra per rassettare stirare e inventarmi qualcosa per cena.
Sì, un momento per me è dura trovarlo ....ma ce la posso fare , si ce la posso fare a fare tutto e quello che non faccio lo farò!!!!!!!!.
dal web photo


Non sono una mamma perfetta, l'urlo fa parte della mia vita come anche le punizioni giuste e equilibrate e l'ammissione di non poter fare ogni cosa e di bruciare il dolce nel forno perchè sto giocando a nascondino...!!!!
Poi ci sono giorni in cui non ho voglia neanche di alzarmi dal letto e controvoglia faccio il necessario rimanendo in pigiama tutto il  giorno: tanto per i bimbi c'è il pulmino, basta uscire dal cancello e se proprio serve il pane mi metto il piumino sopra il pigiama e scarpe da ginnastica e affronto la giungla così...
No problem!!!!!

L'altra tappa della giornata è il gioco: non c'è giorno che io non mi sieda sul tappeto ( e a volte mi devo aiutare ad alzarmi) con le pesti a giocare ( su questa tappa sono intransigente), o ad inventare giochi , colorare mostri fantastici o costruire lego e  questo giocare insieme  mi permette di godermi  i loro sorrisi e le loro espressioni e anche le loro coccole .
Arrivo a sera distrutta ma felice: ho saltato su molte liane con l'aiuto delle mie formidabili amiche e compagne di "mammità", ho cercato di far quadrare le attività delle pesti  e non, sempre ci riesco, e sono stata me stessa , incasinata confusionaria e a volte organizzatissima, ma la mia vita è così .

La mia vita  è una giungla che a volte si trasforma in una partita infinita a tetris, ma  con le nostre tappe "poche ma buone" ce la caviamo e nonostante siano ammesse giornate no e serate burrascose intorno alla tavola per cenare, tutto si risolve con la messa a letto con la favola della buona notte del babbo e le preghiere ( che sono compito di veroveromaritobabbo)..

Dopo  una giornata intensa li guardiamo dormire e sospirando ci diciamo " ce l'abbiamo fatta!"






2 commenti:

  1. Ciao Veronica,
    sono arrivata qui dal blogstorming di genitori crescono e ho avuto un "déjà vu" ... se arriverai sul nostro blog.. capirai cosa intendo ;-)

    Sono contenta di "averti incontrata" e ti aggiungo subito alla nostra "fantastica blogosfera dei genitori".

    Spero non ti dispiaccia, ma ci siamo anche permessi di citarti nel nostro post sul blogstorming...
    http://genitorimeglioconinternet.blogspot.it/2013/03/blogstorming-sfide-quotidiane.html

    Torneremo sicuramente a leggerti... :-)

    RispondiElimina
  2. grazie per la citazione, mi fa molto piacere......
    contentissima di entrare a far parte della vostra blogosfera .......
    lettura reciproca grazie...
    a presto vi aspetto e buona pasqua

    RispondiElimina